WORLD PASTA DAY 2019, ECCO I 130 PIATTI D’AUTORE CHE ARRIVANO DAL FUTURO. TANTI RIFERIMENTI A TRADIZIONE E SEMPLICITÀ, CON L’IMMANCABILE TOCCO INNOVATIVO

WORLD PASTA DAY 2019, ECCO I 130 PIATTI D’AUTORE CHE ARRIVANO DAL FUTURO. TANTI RIFERIMENTI A TRADIZIONE E SEMPLICITÀ, CON L’IMMANCABILE TOCCO INNOVATIVO

Classica, semplice, globale, etica, diversa: ecco come i 130 Chef nel mondo hanno aderito alla kermesse Al Dente, immaginando la #pasta2050. Le ricette proposte nei menù dei ristoranti fino al 25 ottobre

Un viaggio nel tempo in 4 continenti e 130 ricette d’autore per interpretare la #pasta2050 tra globalizzazione e voglia di semplicità, nuovi ingredienti e una rinnovata etica dei consumi. Così Chef e ristoratori hanno aderito alla prima edizione di “Al Dente, The Italian way of pasta” (http://aldente.worldpastaday.org) mettendo dal 18 al 25 ottobre in menù, in occasione del World Pasta Day (25 ottobre), la loro interpretazione della pasta nei prossimi 30 anni, esplorando le 6 principali tendenze che caratterizzeranno il consumo di questo alimento nel futuro (v. Focus dedicato).

Giunto alla sua 21ma edizione, il World Pasta Day, manifestazione ideata e curata da Unione Italiana Food (già AIDEPI) e IPO – International Pasta Organisation, ogni 25 ottobre celebra il piatto simbolo della Dieta Mediterranea. E quest’anno si concentra su gusto, creatività, attenzione al benessere e passione per il buon cibo che contraddistinguono il modo tutto italiano di mangiarla e condividerla, regalando ai pasta lovers un itinerario gastronomico che attraversa l’Italia e l’Europa, toccando Roma, Parigi, Milano, Napoli, New York, Dubai, Londra, Berlino, Tokyo, Kuala Lumpur, Bali, Shangai e Brisbane per gustare un piatto di pasta che arriva direttamente dal futuro.

Hanno aderito al “Giro del mondo attorno allo Spaghetto” pesi massimi del calibro di Heinz Beck, Chicco Cerea, Rosanna Marziale, i fratelli Alajmo, Arcangelo Dandini, assieme a molti altri chef e ristoratori (per l’elenco completo dei ristoranti aderenti, consultare la sezione dedicata del sito “Al Dente”). A dimostrare che la “sfida della pasta tra 30 anni” lanciata da Unione Italiana Food, piace. E, a giudicare dalle ricette proposte, i professionisti dei fornelli vedono la pasta di domani inseparabile da quella di ieri, con tanti riferimenti a tradizione e semplicità, ma con l’immancabile tocco d’autore che rende la pasta ancora più intrigante e al contempo innovativa. Una curiosità: la pasta lunga “vince” la classifica dei formati più gettonati nelle ricette degli chef, spaghetti in primis, in veste classica o rivisitata (di farina di legumi, kamut o… iodato).

Ma vediamo un assaggio delle interpretazioni d’autore più intriganti. A Roma, la proposta dello chef Heinz Beck a “La Pergola” è un omaggio alla Cacio & pepe della tradizione, nobilitata da gamberi bianchi marinati al lime. Arcangelo Dandini si lascia ispirare dalla semplicità dei sapori mediterranei: spaghetti con ricotta, olio di croatina, agrumi canditi e finto pepe; una tendenza, quella della semplicità, accolta anche dalla chef casertana Rosanna Marziale che chiama la sua ricetta “spaghetti all’italiana”. A Porto San Giorgio il giovane chef Nikita Sergeev propone una ricetta classica e senza tempo, mezze maniche ai ricci di mare con crema di pinoli tostati e pecorino di Fossa.

Parlando invece di pasta che tende al “diverso”, la curiosità che salta all’occhio: sono tante le donne chef che si sono ispirate guardando alla novità. La chef Fabiana Scarica di Villa Chiara a Vico Equense ha creato il “Rigatone burro, tabacco e fegato grasso”, Alessia Arduini e Stefano Tanoni del Ketumbar, nel cuore romano di Testaccio, propongono la loro “Cacio, pepe e salicornia” e Giovanna Fantechi di “S’impasta” a Firenze “Paccheri all’alga spirulina”.

In ambito “globale”, i fratelli Cerea a Brusaporto (BG) propongono gli Spaghetti con calamaro e cannolo di riccio. E gli Spaghetti sono il formato scelto anche da Mirko Giannoni di Pepenero a Prato con pomodoro, capperi di sambuco e limone nero. In Abruzzo lo chef Daniele Zunica dell’omonima Osteria, firma lo “Spaghetto affumicato con burro di Normandia, caciocavallo e papavero” e, sbarcando a Cagliari, lo chef Luigi Pomata valorizza i prodotti del territorio: Tagliolini con battuto di gamberi, uova di pesce, datterino di Pula, tartufo di Laconi e buccia di limone.

A Napoli, dove lo spaghetto alla pummarola è una cosa seria, il George’s Restaurant lo omaggia con il calligrafico “Pomod'oro”, dove lo Spaghettone avvolge le diverse consistenze dei pomodori campani. A Rubano, i Fratelli Alajmo propongono Tagliolini all'aneto con vongole, dentice, astice e salsa di pistacchi.

E non manca la possibilità di celebrare la settimana della pasta anche all’estero grazie all’adesione dell’Associazione Italiani Chef New York, un network di circa 280 professionisti dei fornelli che rappresentano la cucina italiana nella Grande Mela. O guardare ad est, dove a Shangai Marino D’Antonio propone un assaggio d’Abruzzo con i suoi Spaghetti alla chitarra alla Teramana. A Tokyo invece la pasta del futuro secondo Ezio Santin e Stefano Dal Moro sono gli Spaghettini alla bottarga di tonno, pomodoro. Mentre a Roma la proposta dello chef Heinz Beck è un omaggio alla Cacio & pepe della tradizione, nobilitata da gamberi bianchi marinati al lime.

Non resta che impugnare la forchetta e degustare. L’invito di Unione Italian Food e IPO è esteso anche a blogger e pasta lover, che il 25 ottobre animeranno una “spaghettata virtuale” con gli hashtag #pasta2050 e #WorldPastaDay. Tutti potranno postare foto e video della loro idea di #pasta2050 in una giornata piena di tweet up, eventi Facebook, Instagram moment.

Contattaci
Ivana Calò Media Relation Consultant, INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione
Ivana Calò Media Relation Consultant, INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione
Maggiori informazioni su Unionfood We Love Pasta

Unione Italiana Food, la più grande associazione in Europa che raggruppa aziende produttrici di beni alimentari, nata a gennaio 2019 dall’unione di due delle più rappresentative associazioni di categoria dell’alimentare italiano, AIDEPI (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e AIIPA (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari). Rappresenta 450 imprese di oltre 20 settori merceologici (circa 800 brand), con 65.000 addetti per un fatturato di oltre 35 miliardi di euro, di cui 10 miliardi di export.

Per il settore pasta, Unione Italiana Food (già Aidepi, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) rappresenta le industrie nazionali produttrici di spaghetti & co. La campagna We Love Pasta nasce per promuovere la cultura della Pasta, simbolo del Made in Italy sulle tavole di tutto il mondo, e della dieta mediterranea, considerata patrimonio immateriale dell'Umanità.

Unionfood We Love Pasta
UNIONE ITALIANA FOOD - AIDEPI
Viale del Poggio Fiorito, 61
00144, Roma